NewsTesto
  
  
  
  
  
  

​Il Gruppo bancario Iccrea, in adempimento alla normativa vigente - introdotta con il Decreto 254/2016 che attua la Direttiva 2014/95 UE - ha presentato ufficialmente alla Consob la prima Dichiarazione Non Finanziaria (DNF) interpretandola non solo quale obbligo normativo, ma anche come leva di crescita aziendale.

Nell’ottica della futura costituzione del Gruppo bancario Cooperativo e, più in generale, della nascita della prima banca locale del Paese, il Gruppo Iccrea ritiene la sostenibilità una fondamentale opportunità per individuare ed esprimere - nell’ambito della riforma del Sistema - i valori del Gruppo e delle BCC a favore del territorio.

La sostenibilità, in questo senso, traspare non solo nelle attività tradizionali bancarie verso le famiglie e le PMI clienti, ma anche nel rapporto con i soci delle BCC e nel coinvolgimento dei collaboratori del Gruppo.

La DNF evidenzia le numerose esperienze ed attività di coinvolgimento degli stakeholder, facendo della sostenibilità un fattore ulteriormente distintivo e competitivo per il Gruppo Iccrea e per il futuro Gruppo bancario Cooperativo.

In particolare, la Dichiarazione Non Finanziaria Consolidata del Gruppo bancario Iccrea rendiconta i risultati raggiunti in ambito di:

  • sostegno delle PMI;
  • iniziative a beneficio dei territori e della comunità;sostegno delle PMI;
  • centralità riservata alle persone: innovazione e nuovi modelli di business;
  • impegno continuo nel ridurre gli impatti ambientali.
Nel dettaglio, su quest’ultimo punto, il Gruppo acquista la totalità dell’energia elettrica da fonti rinnovabili ed ha inoltre investito significativamente nell’efficientamento energetico delle sedi principali, ottenendo una riduzione della dispersione termica degli immobili del 67%.
Dalla DNF, inoltre, emerge l’evidenza di un consistente presidio sistemico – da parte delle diverse strutture del Gruppo – dei rischi non finanziari rilevanti per il Gruppo Iccrea, così come la presenza di specifiche policy a copertura di tutti i temi non finanziari del Gruppo.
 “La prima redazione della Dichiarazione Non Finanziaria del Gruppo bancario Iccrea coincide con un momento di profonda e radicale trasformazione dell’assetto organizzativo e strategico del Credito Cooperativo”, commenta Giulio Magagni, Presidente del Gruppo bancario Iccrea. “La riforma avviata con la Legge 49 del 2016 – ha proseguito Magagni – ha portato il nostro sistema ed il Gruppo ad una radicale riorganizzazione, con l’obiettivo di assicurare alle Banche di Credito Cooperativo, ai loro soci e clienti profili più sicuri di patrimonializzazione, maggiore capacità di rispondere alle esigenze di garanzia, innovazione e sviluppo dei prodotti e dei servizi offerti, funzionali all’incremento della redditività e della solidità delle Banche di Credito Cooperativo”.

Scarica la Dichiarazione non finanziaria del GBI.





Si14/06/2018Comunicato Stampa
  
L’accordo tra Gruppo Iccrea, Regione Friuli Venezia Giulia e Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste è diventato completamente effettivo.

Roma, 11 giugno 2018.

L’iter per l’ingresso di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia nel Gruppo bancario Iccrea è concluso, con l’arrivo delle autorizzazioni da parte delle Autorità di Vigilanza (Banca Centrale Europea e Banca d’Italia). Con un percorso avviato a dicembre dello scorso anno con l’accordo tra il Gruppo Iccrea, la Regione Friuli Venezia Giulia e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste, l’integrazione di Mediocredito FVG oggi diventa completamente effettiva.

L’accordo permetterà, da una parte, di valorizzare Banca Mediocredito FVG nel suo ruolo storico a sostegno delle PMI che operano in Friuli Venezia Giulia, dall'altra di accrescere le attuali risorse e potenzialità del Gruppo bancario Iccrea, anche in sinergia con le BCC che hanno pre-aderito al costituendo Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea.

Nel dettaglio, l'operazione verrà perfezionata attraverso lo scambio di azioni di Iccrea Banca con azioni di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia in possesso della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste e un aumento di capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia riservato al Gruppo Iccrea, affinché - in linea con i piani di sviluppo che verranno adottati da Iccrea - l'istituto diventi, in ambito regionale e in collaborazione con le BCC pre-aderenti, un centro di competenza per le attività di credito agevolato, i finanziamenti a medio e lungo termine, le attività di tesoreria degli Enti pubblici.
L'operazione prevede quindi l’uscita della Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste dal capitale di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia e l’ingresso della stessa nel capitale di Iccrea Banca, consentendo così alla Fondazione di essere il primo investitore istituzionale esterno al Sistema del Credito Cooperativo a entrare nel capitale della Capogruppo del Gruppo Iccrea, in coerenza anche con gli obiettivi della riforma del Sistema cooperativo italiano.
Banca Mediocredito FVG, dopo il perfezionamento dell’operazione di acquisizione del 100% di BCC Factoring (oggi controllata da Iccrea BancaImpresa), contribuirà a sviluppare l’attività di factoring del Gruppo bancario Iccrea sulla propria clientela nella Regione e sulla clientela di tutte le BCC pre-aderenti a Iccrea. Verranno altresì sviluppate, attraverso l'istituto friulano, le attività a valore aggiunto nel segmento corporate rafforzando i servizi di advisory, tra i quali quelli tipici di consulenza alle aziende nell’accesso al mercato regolamentato dei capitali.

“Siamo lieti di aver ricevuto il parere positivo della Banca Centrale Europea e della Banca d’Italia – ha commentato Giulio Magagni, Presidente di Iccrea Banca – perché per noi questa operazione rappresenta uno snodo importante nell’ambito degli obiettivi del Gruppo Iccrea che, insieme a Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia, vogliamo perseguire a beneficio della regione in cui la Banca opera. L’ambito del supporto alle PMI, in vista della futura costituzione del Gruppo bancario Cooperativo di Iccrea e grazie alla collaborazione con le BCC locali, è oggi fondamentale per essere accanto al territorio regionale e, in generale, per sostenere lo sviluppo del Paese”.

“Con l’integrazione di Banca Mediocredito Friuli Venezia Giulia – ha aggiunto Leonardo Rubattu, Direttore Generale di Iccrea Banca – il Gruppo Bancario Iccrea potrà offrire, alle PMI della regione, non solo prodotti e servizi, ma anche consulenze specialistiche per tutte quelle aziende locali che, come noto, hanno importanti potenzialità e vogliono investire. Questo, al fine di rendere più competitivo il tessuto economico friulano e affiancarci a loro, anche nella futura veste di Gruppo bancario Cooperativo, svolgendo appieno il nostro ruolo di prima banca locale del paese. Oggi Banca Mediocredito FVG è una banca che, con l’integrazione nella famiglia del Gruppo Iccrea, saprà dare ancora maggiore impulso all’imprenditorialità locale, offrendo tutte le soluzioni che, per le imprese, sono oggi disponibili sul mercato”.


Si11/06/2018Comunicato Stampa
  
L’operazione, realizzata insieme a BCC Valle del Trigno, BCC Pra-tola Peligna e Banca Alpi Marittime, è volta a finanziare un porta-foglio di impianti fotovoltaici della potenza complessiva di 4,4 MW.
Iccrea BancaImpresa, insieme a BCC Valle del Trigno, BCC di Pratola Peligna e Banca Alpi Marittime hanno perfezionato un’operazione di Project Finance, per complessivi 11 milioni di euro, per il finanziamento di un portafoglio di impianti fotovoltaici della potenza complessiva di 4,4 MW di proprietà di Dimensione Solare S.r.l. Abruzzo, in provincia di Chieti.

Gli impianti, già in attivo, producono annualmente 6,3 milioni di Kwh di energia elettrica dal sole, equivalenti a una mancata emissione di CO2 in atmosfera pari a 2.700 tonnellate annue.
Dimensione Solare è una holding operativa nata nel 2008 specializzata nel settore delle energie rinnovabili, con particolare focus sul fotovoltaico. Progettato e prodotto interamente dalla Dimensione Solare è il sistema di inseguitore biassiale Sphere, installato anche per gli impianti finanziati, che consente di massimizzare l’esposizione alla luce solare durante tutto l’anno. La società è operativa anche nell’ambito della sicurezza e controllo stradale, settore nel quale, per il tramite della partecipata Helian S.r.l., è stato progettato e svi-luppato lo Street Control, una piattaforma mobile per il controllo e sanzionamento dei veicoli. 

Il pool è stato assistito da BIT S.p.A. per la consulenza tecnica e dallo studio legale Orrick per gli aspetti le-gali.



Si11/06/2018News
Tutte le news